Cari genitori, il periodo delle feste natalizie è sì un momento di gioia, condivisione, relax, ma può portare anche a  diversi litigi e incomprensioni per quanto riguarda la gestione dei figli, soprattutto con separazione in corso o già avvenuta.

Vi propongo alcuni linee guide per poter viver in serenità questo periodo e (soprattutto) per cercare di far vivere ai figli questo momento il più sereno possibile.

dividetevi le due giornate “Natalizie”(es. la Vigilia di Natale con il papà, il giorno di Natale con la mamma (o viceversa); in questo modo i vostri bambini/ragazzi potranno vivere il Natale con entrambi i genitori. 

Il Natale, per antonomasia, è simbolo dello stare insieme e della famiglia riunita..Sarà meno traumatico per i ragazzi che hanno vissuto fino all’anno precedente (in caso di separazione recente) o fino a qualche anno prima il giorno di Natale con entrambi i genitori. Se proprio non fosse possibile divedersi le due giornate, si può pensare che i ragazzi trascorrano il pranzo del giorno di Natale con uno dei due genitori e il pomeriggio o la cena con l’altro. Altra soluzione può essere, sempre nel caso in cui non sia possibile la divisione delle due giornate, di permettere al figlio di telefonare all’altro genitore per fare gli auguri di Natale, e soprattutto, per ricevere gli auguri di Natale dall’altro genitore non presente. Questo permetterà ai ragazzi di sapere che sono presenti nella mente di entrambi i genitori.

Per le altre feste, che hanno meno commutazione rispetto allo stare insieme (es. Capodanno, Epifania) potete ricorrere alla divisione solita, come settimane alterne, affido nei weekend…

non cambiate i piani all’ultimo momento

E’ già destabilizzante per i bambini vivere il momento delle feste durante la separazione, avere anche la pianificazione concordata che salta all’ultimo secondo può essere davvero troppo da sopportare per i ragazzi, che devono spostarsi con borse, valige, e zaini di scuola. Non dimentichiamoci che durante il periodo delle feste natalizie i ragazzi non vanno a scuola  quindi vivono e sentono tutto ciò che succede in casa, incluse le telefonate tra i due genitori e le parole dette nel momento in cui si mette giù il telefono dopo aver parlato con l’altro genitore.

se decidete di fare una gita fuori porta avvisate l’altro genitore! 

Mi capita spesso di avere a colloquio alcuni genitori che credono che, visto che durante “quei giorni i ragazzi sono con me, allora posso decidere di andare dove voglio senza avvisare l’altro, quel che faccio sono affari miei”, invece vi ribadisco che è molto importante per l’altro genitore sapere in ogni momento dove siano i propri figli. Anche in queste occasioni, permettere ai ragazzi di telefonare all’altro genitore in qualche momento della vacanza.

-non approfittate del periodo natalizio per tirare fuori vecchi rancori e per strumentalizzare i ragazzi!

Vedo spesso delle coppie che “usano” le feste per fare richieste esagerate all’ altro genitore, tirando in mezzo i ragazzi, che possono diventare “merce” di scambio. Con la calma, il sangue freddo e la comunicazione si può arrivare a degli accordi che possono ristabilire la serenità per tutti.

-accordatevi per i regali di Natale per i vostri figli

 L’obiettivo è evitare che i ragazzi abbiano la percezione di ricevere regali più “belli” o costosi da uno dei due genitori; molto spesso una telefonata tra i due genitori può permettere di accordarsi e di trovare il regalo giusto, meglio che sia uno solo, per evitare che il ragazzo riceva due regali e possa creare dei paragoni, tra chi ha speso di più, chi ha indovinato il regalo più utile. 

Eviteremo la sorta di “competizione” che spesso caratterizza la corsa ai regali.

-se approfittate delle feste natalizie per presentare nuovi compagni andateci cauti

Come dicevo, il periodo delle feste durate una separazione è già di per sé destabilizzante e può far riaffiorare nei ragazzi alcune emozioni come la malinconia, la tristezza di non avere tutta la famiglia la completo.. Nel caso in cui siano presenti nuovi compagni/e parlatene prima con i ragazzi, in modo da prepararli adeguatamente.

Come avrete capito, la situazione può essere davvero tesa e stressante, ma con la giusta dose di buon senso e una buona dose di comunicazione efficace, possiamo evitare di rendere il periodo delle feste davvero stressante per i vostri figli, ricordando di rimetterli al centro e di essere dalla loro parte, sempre.

Buone feste a tutti!

Di Elisa Rizza

Mediazione familiare